Vai direttamente ai contenuti

Home > Notizie per i soci > STOP..S’IMPARA! A SCUOLA DI SICUREZZA STRADALE CON ACI E POLIZIA (...)

STOP..S’IMPARA! A SCUOLA DI SICUREZZA STRADALE CON ACI E POLIZIA MUNICIPALE

16.12.2016



Gli alunni delle classi Martini di San Marco hanno partecipato il 15 15 dicembre alla prova sulla sicurezza stradale con il progetto "Stop! Si impara". Un incontro teorico-pratico che ha visto protagonisti i ragazzi di due classi quinte della scuola primaria alla presenza del Direttore dell’Aci Lucca Luca Sangiorgio, degli agenti della polizia municipale e dell’assessore alla sicurezza stradale Celestino Marchini. In totale sono circa ottanta le classi delle scuole primarie del territorio coinvolte nell’iniziativa promossa da Comune di Lucca, Aci Lucca e polizia municipale per la diffusione delle norme e della prevenzione di comportamenti scorretti sulle
strade.

Una serie di incontri bisettimanali, che si protrarranno fino a marzo, offrirà l’occasione per introdurre i bambini al codice di comportamento da seguire per viaggiare in strada, dalle leggi per i genitori inerenti ad esempio l’utilizzo dei seggiolini in auto alla condotta da tenere quando ci si muove a piedi o in bici.

I percorsi vengono allestiti con semafori e cartelli proprio con l’obiettivo di insegnare agli alunni le regole per l’attraversamento pedonale e la sicurezza su due ruote mediante un test pratico. A conclusione della prova ai bambini è stato consegnato un patentino in ricordo della mattina trascorsa insieme.

 Il progetto viene realizzato sull’intero territorio comunale, infatti tutti i sette Istituti comprensivi hanno aderito. Oltre alle classi seconde, terze, quarte e quinte delle scuole primarie (circa 20 alunni per ottanta classi), anche le classi terze delle scuole secondarie di primo grado saranno coinvolte a partire da marzo in un ciclo di lezioni teoriche. Con gli studenti più grandi oltre alla viabilità saranno trattati anche i temi della guida in stato di ebbrezza e sotto stupefacenti, con i conseguenti risvolti pensali cui possono andare incontro minori e genitori.